Paris part two: La Petite Veste Noir… our Chanel days

 

 

 

 

 

 

Here we are! The second part of our amazing days in Paris!
You should have understood how much I love Coco Chanel:
she is an inspiration for me! Her life, her devotion to her work,
her everlasting and troubled love!
Everything of her makes me think about a romantic novel
written by a modì écrivain in the latest years of the  19th century.

Are you ready to enter inside Mademoiselle’s world? From her first hats shop in Rue Cambon 31, to the new Karl Lagerfeld’s exhibition “The Little Black Jacket”.

 

 

 

 

 

Ci siamo! Ecco la seconda parte dei giorni strepitosi che abbiamo passato a Parigi!
Ormai dovreste aver capito quanto io adori Coco Chanel: è davvero un’ispirazione per me! La sua vita, la sua devozione per il lavoro, il suo amore eterno e travagliato! Tutto di lei mi fa pensare ad un romanzo romantico scritto da un modì écrivain (uno scrittore folle) durante gli ultimi anno del 19esimo secolo.

Siete pronti ad entrare nel mondo di Mademoiselle? Dal suo primo negozio di cappelli in Rue Cambon 31, fino a “The Little Black Jacket”, la nuova mostra di Karl Lagerfeld.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

That’s one of the most amazing things I’ve ever seen in my life!
It’s been pretty exciting entering inside “The Little Black Jacket” exhibition!
Actually, everything concerning Karl Lagerfeld is exciting! But I’ve waited months to be there and, when I entered inside the Grand Palais, It’s been like the Christmas morning!

For the one who doesn’t know, Karl Lagerfeld, Maison Chanel’s art director, made a tribute to the most important piece created by Mademoiselle Coco: a little black jacket made with tweed which has been really revolutionary during the time it has been made!
Lagerfeld showed the immortality and chameleonic qualities of this piece of art by taking photos of the same jacket worn by a lot of different famous people, both man and woman, from models, actors and directors, in an uncountable ways.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa è una delle cose più belle che abbia mai visto in vita mia!
E’ stato davvero emozionante entrare dentro la mostra “The Little Black Jacket”!
A dire il verità, tutto ciò che riguarda Karl Lagerfeld  è emozionante!
Ma ho aspettato mesi per andarci e quando sono entrata dentro il Grand Palais
è stato come se fosse la mattina di Natale!

Per quelli che non lo sapessero, Karl Lagerfeld, direttore creativo della
Maison Chanel, ha fatto un tributo a uno dei pezzi più importanti
creati da Mademoiselle Coco: un piccola giacca nera fatta di tweed la quale è stata
davvero rivoluzionaria per l’epoca in cui fu realizzata!
Lagerfeld ha mostrato così l’immortalità e le qualità camaleontiche di questa opera d’arte fotografando la stessa giacca indosso a molte persone famose, sia uomini che donne, da modelle, attori e registi, in svariati modi diversi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gaspard Ulliel

 

 

 

 

 

 

Jane Birkin

 

 

 

 

 

 

Anna Wintour

 

 

 

 

 

 

 

After hanging around a little bit….

 

Dopo aver fatto un bel giro…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

… finally we arrived in rue Cambon, the place where Coco Chanel sat her first hats shop when she arrived in Paris.
The atmosphere was magical…

 

 

 

 

…finalmente siamo arrivate in rue Cambon, il luogo dove Coco Chanel aprì il suo negozio di cappelli quando arrivò a Parigi.
L’atmosfera era a dir poco magica…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chanel – Tweed eyewear 2013 Collection 

 

 

 

 

 

 

Chanel – 2013 sunglasses collection 

 

 

 

 

 

 

Rihanna at the Victoria’s Secret fashion Show with Chanel pearl vintage collection 

 

 

 

 

 

 

 

 After a looooong walk we arrive at Maxim’s: the best restaurant in Paris! Gnammy!

 

Dopo una luuuuuungua camminata siamo arrivate
da Mixim’s: il miglior ristorante di Parigi! Gnammy!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Which, unfortunately, was closed!

Che, sfortunatamente, era chiuso!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

So, we went to Le Procope, an amazing restaurant in Saint Germain.
When you enter inside Le Procope you feel like to have just used a time machine!
It’s the oldest restaurant in town! The meeting point of personalities such as Danton, Benjamin Franklin, Marat, Victor Hugo, Voltaire… the place where they were used to print newspapers during the revolution!
If you have the pleasure to go and to eat there, remember to explore the three floors of the building and look carefully at the letters, documents, pictures, manifests… attached to the wall! You may find something extraordinary!

 

 

 

 

 

 

Allora, siamo andate a Le Procope un ristorante favoloso in Saint Germain.
Quanto entri dentro Le Procope ti sembra di aver appena usato una macchina del tempo! E’ il più vecchio ristorante della città! Punto d’incontro per personalità quali Danton, Benjamin Franklin, Marat, Victor Hugo, Voltaire… il luogo dove, durante la rivoluzione, erano solito stampare i giornali che professavano i nuovi ideali!
Se avrete il piacere di andare e mangiare a Le Procope, ricordatevi di esplorare i tre piani dell’edificio e di guardare attentamente le lettere, i documenti, le foto, i manifesti… affissi alle pareti! Potreste trovare qualcosa di straordinario!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

For example the last letter of Marie Antoinette!
I haven’t asked if it is a copy or the original one, probably because the emotion to find it was so deep and I was so touched by the words which were written on it, that I didn’t want to spoilt such magic.

 

 

 

Per esempio l’ultima lettera di Maria Antonietta!
Non ho chiesto se fosse l’originale o solo una copia, forse perchè l’emozione di trovarla appesa è stata così profonda ed io ero così commossa dalle parole che c’erano scritte, da non voler rovinare una così bella magia.

 

 

 

 

 

 

 

Transcription:

“4 heures et demie du matin.
Mon Dieu! ayez pitié de moi! Mes yeux n’ont plus de larmes
pour pleurer pour vous mes pauvres enfants; adieu, adieu!”

 

 

“Half pas four in the morning.
My God! Have mercy on me! My eyes have no tears to cry
for you my poor children: farewell, farewell!”

 

 

“Quatro e mezza del mattino.
Dio mio! Abbi pietà di me! I miei occhi non hanno più lacrime per piangere per i miei poveri bambini;
arrivederci arrivederci!”

 

 

 

 

 

 

 

Last, but not least we admired the spectacular Pyramid at the Louvre Museum…

 

In ultimo da non per importanza abbiamo ammirato lo spettacolo della piramide del museo del Louvre…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Don’t miss part three!